Trattiamo, oggi, dell’inadempimento delle obbligazioni.

Esso consiste nella mancata o nella inesatta esecuzione della prestazione dovuta.

Disciplinato, puntualmente, dall’art. 1218 all’art. 1229 del codice civile che, oltre a delineare cosa sia l’inadempimento, ne descrive le conseguenze.

9 c.c.).

In particolare, il codice statuisce che: “il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno”.

Ciò significa che:

  • con l’inadempimento viene meno l’obbligo di eseguire la prestazione come originariamente articolata (anche se tale conseguenza può variare in forza della volontà del creditore);
  • con l’inadempimento sorge l’obbligo di risarcire il danno.

Si ha, quindi, una sostituzione dell’obbligazione cui è tenuto il debitore.

L’obbligo di risarcire il danno non sorge se l’inadempimento è causato da impossibilità (sopravvenuta ed oggettiva) della prestazione non imputabile al debitore.

Tale impossibilità, però, ovviamente, dovrà essere provata dal debitore.

In caso contrario, sorgerà l’obbligo di risarcire il danno.

Il risarcimento, come affermato dall’art. 1223 c.c., dovrà comprendere “sia la perdita subita che il mancato guadagno“.

Ovvero, il debitore inadempiente deve risarcire:

  • il c.d. danno emergente: i danni causati direttamente o indirettamente dalla mancanza della prestazione che possono consistere, anche, nei costi sostenuti, privi del corrispettivo sperato;
  • il c.d. lucro cessante: il mancato guadagno che sarebbe conseguito al creditore nel caso di adempimento.
  • la c.d. perdita di chances cui dedicheremo una trattazione separata la prossima settimana.

Sulla quantificazione del danno da risarcire incidono (o possono incidere) altri criteri:

-(i) la prevedibilità del danno ex art. 1225 c.c.;

-(ii) una possibile valutazione equitativa dello stesso ex art. 1226 c.c.;

-(iii) una eventuale incidenza del comportamento del creditore ex art. 1227 c.c.;

-(iv) la sottoscrizione di clausole di esonero da responsabilità ex art. 1229 c.c.

Su questo tema, così ampio ed importante, torneremo con singoli approfondimenti nel corso delle prossime settimane.

Il prossimo appuntamento con “Law Beat” per lunedì 11 novembre 2019.

Per info e suggerimenti: